Rubrica Mamme

Acquaticità neonatale di Samantha Sperandio

State pensando di iscrivere il tuo bimbo ad un corso di acquacitita neonatale ma non sai quale corso?
Quali criteri utilizzi per  la scelta del corso: il prezzo, la vicinanza a casa, l’orario, la struttura? 


Cercherò con la mia ventennale esperienza  di dart alcune informazioni utili per la scelta più idonea che  soddisfi le vostre aspettative.

Iniziamo a fare chiarezza di cosa si tratta.
L’acquaticità neonatale è un corso che si svolge in acqua per i bimbi dai 3 mesi ai 3 anni.

Una delle caratteristiche speciali di questa esperienza con tuo figlio è che tu sarai l’insegnante,  rendendoti cosi protagonista attivo della fase di apprendimento abbreviando i tempi per fargli raggiungere l’autonomia in acqua.


I principali obiettivi da raggiungere sono i seguenti:

  • Imparare a nuotare il prima possbile, esso  è fondamentale per la sicurezza  ed evitare così rischi di annegamento.
  • Stimolarlo a livello senso-motorio per apprendere capacità cognitive e motorie.
  • Lavorare a livello affettivo per aumentare la sua stima di sé.
  • Stimolare i riflessi natatori di braccia e gambe.
  • Stimolare e aumentare il riflesso di apnea.
  • Imparare la respirazione corretta.

I criteri necessari per raggiungere questi obiettivi sono i seguenti.

Primo punto:


La struttura

– La piscina deve avere una temperatura  compresa tra i 31 e i 34 gradi, al di sotto di questa soglia la muscolatura si irrigidisce. In acqua è fondamentale essere rilassati per favorire il galleggiamento e rendere l esperienza piacevole.

– Temperatura degli spogliatoi idonea per risultare più confortevole possibile ed evitando così sbalzi termici i quali favoriscono l’insorgere di raffreddori, otiti e febbre.

-Presenza di fasciatoi e box per bambini dove poter cambiarli in sicurezza e tranquillità.

-Pulizia. Gli ambienti caldi e umidi favoriscono la proliferazione di batteri e funghi quindi l ‘igiene e la cura degli ambienti risulta particolarmente importante.

– La vasca dedicata al corso deve garantire uno spazio  a disposizione  sufficientemente grande per poter svolgere gli esercizi proposti, almeno due metri.

– Materiale didattico in buone condizioni:palle, materassini, tubi, ecc.
Diversamente tali materiali potrebbero procurare escoriazioni sulla pelle del bimbo o staccandosi potrebbero essere accidentalmente ingerito.

L’insegnante

La professionalità è senza dubbio come in tutti gli ambiti, fondamentale.

Un buon istruttore organizza la lezione in base alla fase evolutiva del bimbo.
I corsi vanno suddivisi in base alla fascia d’età.

Scegliete una struttura che affida i corsi di acquaticità neonatale ad istruttori specializzati all’insegnamento per la fascia d’età sotto i tre anni, evitando personale con poca esperienza.

Orario del corso

Per esperienza personale, iscriversi in un orario in cui il bimbo ha già dormito, quindi è riposato e ha già mangiato eviterà pianti durante l’attività.

Il prezzo


Non esiste un giusto prezzo ma cercare a tutti i costi il prezzo più basso non risulta sempre essere la scelta vincente per i motivi sopra citati.

Gli istruttori con esperienza, mantenere le temperature di ambiento e acqua idonea, garantire un’igiene adeguata, fornire materiali idonei tutto questo a un costo che si ripercuote sulla qualità del servizio offerto.

Per concludere Il mio consiglio è di poter valutare concretamente  quanto detto contattando  la struttura scelta per poter fare una lezione di prova verificando così tutti i punti trattati assieme.

Buon divertimento.

Samantha Sperandio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...